indirizzo: Gagliano Aterno

Descrizione

La chiesa fu edificata nei pressi della cella della Santa nel 1613, sulle rovine di una piccola chiesa preesistente, dedicata a San Giovanni Battista, ad aula unica ed abside semicircolare. 
La facciata fu rimaneggiata fra il XVIII e il XIX secolo: è suddivisa in tre sezioni verticali da robuste lesene in pietra, cui si aggiunge, a sinistra, il volume del campanile; il portale principale è arricchito da cimasa con volute e fregi; ai lati si aprono due portali laterali, di dimensioni più piccole.
All’interno della chiesa, nella zona absidale, è presente un ciclo di affreschi che rappresentano scene di vita di Santa Gemma ed una tela che raffigura Sant’Antonio di Padova, opera dell’artista Teofilo Patini.

Note Storiche

La leggenda narra che la giovane Gemma, nata a San Sebastiano dei Marsi, intorno al 1375, rimasta orfana venne accolta dai parenti a Goriano Sicoli. In seguito fu importunata dal conte di Celano, ma ne rifiutò la corte perché già consacrata a Dio; per questo fu rinchiusa in una cella fino alla sua morte quando, secondo la tradizione, le campane iniziarono a suonare da sole.